Porto Recanati: prova a dar fuoco all'appartamento dei genitori dopo una discussione, arrestata una donna

1' di lettura 03/06/2021 - Nella notte del 2 giugno, i militari della stazione dei carabinieri di Porto Recanati, guidati dal luogotenente Giuseppino Carbonari, su richiesta di alcuni cittadini che segnalavano una violenta discussione, sono intervenuti presso una struttura ricettiva di quel centro accertando che A.G., 40enne del luogo, dopo aver avuto una violenta discussione con i genitori e la sorella, era scappata.

Sul posto era già presente la guardia medica comunale che prestava le cure ai familiari. Gli stessi militari intervenivano poi in un’altra via del centro in quanto A.G., fatto accesso in un appartamento di proprietà dei genitori, aveva appiccato un incendio che, stante il tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco di Civitanova Marche, procurava soli lievi danni.

L’autrice dei fatti è stata immediatamente rintracciata dai militari e condotta negli Uffici della Stazione Carabinieri. A seguito dei successivi accertamenti è stata tratta in arresto per i reati di maltrattamenti in famiglia, incendio ed estorsione. La donna è stata poi condotta presso la casa circondariale di Teramo dove si trova a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Macerata. Le indagini sono dirette dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Macerata Margherita Brunelli.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Recanati.
Per Whatsapp aggiungere il numero 366.9926866 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.

Per Telegram cercare il canale @vivererecanati o cliccare su https://t.me/vivererecanati.

È attivo anche il nostro canale Facebook: https://www.facebook.com/VivereRecanati.it






Questo è un articolo pubblicato il 03-06-2021 alle 10:21 sul giornale del 04 giugno 2021 - 241 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere civitanova, articolo, marco pagliariccio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b5CV





logoEV
logoEV