Recanati: nuova discarica provinciale, Emiliozzi presenta una interrogazione ai ministri Cingolani e Franceschini

4' di lettura 01/12/2021 - La possibile discarica di Recanati e Montefano non può sorgere senza che ci sia un’ulteriore verifica che ne valuti l'impatto e che stabilisca, grazie al lavoro anche di esperti del settore, che non causerà alcun danno paesaggistico o ambientale al sito, riconosciuto come di altissimo rilievo culturale e ambientale.

Per questo Mirella Emiliozzi, deputata Civitanovese del M5S, raccogliendo l'allarme del Comitato No Discarica Territorio Montefano-Recanati, ha presentato un'interrogazione al Ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, e a quello dei Beni Culturali, Dario Franceschini chiedendo loro «se siano a conoscenza dei fatti che hanno condotto all'individuazione di 70 aree nella provincia di Macerata per la costruzione di una discarica e che cosa intendano fare per garantire se si tratti o no di collocazioni potenzialmente idonee».
«Nelle precedenti fasi di valutazione tecnica – spiega infatti Emiliozzi – si era ritenuto inopportuno collocare una nuova discarica nel territorio del Maceratese e dunque ritengo che sia urgente e necessario sia far luce sui nuovi procedimenti valutativi adottati, sia avviare un tavolo tecnico per raggiungere delle soluzioni alternative in grado di evitare possibili danni ambientali. Le nuove aree individuate come potenzialmente idonee a ospitare una nuova discarica sono territori infatti ad alta vocazione agricola, con colture per lo più biologiche e di pregio. La Regione ospita il “Distretto Biologico unico delle Marche”, il più grande d'Europa, di cui fanno parte anche i terreni indicati. Il danno ambientale generato da un sito di discarica andrebbe pertanto a intaccare profondamente l’economia locale e le buone pratiche di agricoltura, che, invece, dovrebbero essere difese e tutelate in ottica di transizione ecologica».

C'è di più: secondo Emiliozzi, suffragata dai dati diffusi dal Comitato, «solo nel territorio Montefano-Recanati sono stati individuati ben 18 siti, un vero sproposito se si pensa anche all’importanza culturale e turistica di questi luoghi. Proprio lì, infatti, sono presenti spazi culturali d'interesse nazionale e internazionale come Casa Leopardi, il Colle dell’Infinito e villa Gigli. Il territorio della provincia di Macerata è, inoltre, luogo d’indubbia attrattiva per il turismo proprio in virtù della sua bellezza paesaggistica, che si dovrebbe rispettare anziché affossare con azioni sconsiderate e poco ponderate. Alla luce di tutto ciò auspico che si ritorni a discutere in merito a un cambio di passo, promuovendo un incontro con i soggetti interessati, fra cui la Regione e gli enti locali. Ribadisco, infine, la necessità di creare un tavolo tecnico per scongiurare danni ambientali, identitari e paesaggistici a questi meravigliosi territori».

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram dei quotidiani Vivere.

Per Whatsapp aggiungere il numero corrispondente alla città desiderata nella propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio "notizie on".

Per Telegram cercare il canale desiderato.

Città

Whatsapp

Telegram

Ancona

350.0532033

@VivereAncona

Ascoli

353.4149022

@VivereAscoli

Camerino

340.8701339

@VivereCamerino

Civitanova

348.7699158

@VivereCivitanova

Fabriano

376.0081705

@VivereFabriano

Fano

350.5641864

@VivereFano

Fermo

351.8341319

@VivereFermo

Jesi

371.4821733

@VivereJesi

Macerata

328.6037088

@VivereMacerata

Osimo

320.7096249

@VivereOsimo

Pesaro

371.4439462

@ViverePesaro

Recanati

366.9926866

@VivereRecanati

San Benedetto

351.8386415

@VivereSanBenedetto

Senigallia

351.7275553

@VivereSenigallia

Urbino

371.4499877

@VivereUrbino






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2021 alle 12:30 sul giornale del 02 dicembre 2021 - 124 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cxw0





logoEV
logoEV